fbpx

Chi metti veramente al primo posto: lavoro o famiglia?

chi metti veramente al primo posto lavoro o famiglia?

INDICE

Hai scoperto di non essere in grado di gestire i tempi per la tua carriera e la tua vita privata? Scopri come ritrovare equilibrio per stare bene.

Un imprenditore o un manager studia e fatica molto per arrivare alla sua posizione lavorativa. Seppur gratificante, il ruolo ha molte responsabilità e, con il tempo, gli impegni si accumulano, i progetti diventano più importanti e risulta impossibile dedicare del tempo a sé stessi e alla propria famiglia. Tutto è più frenetico, le energie sono in gran parte spese per il lavoro e lo spazio da dedicare al privato diventa sempre più piccolo e, talvolta, ingombrante. Se sei arrivato a questo punto, ti conviene fermarti a riflettere perché c’è un problema.

Forse non ne coglierai subito le conseguenze, ma prima o poi ti chiederanno il conto. È importante perseguire la propria carriera e raggiungere i sogni prefissati, ma non bisogna escludere la propria sfera privata. Quest’ultima, infatti, ti permette di staccare e accoglie tutti quegli elementi della tua vita che fanno di te la persona che sei: gli affetti, gli hobby, le relazioni, sono tutti fattori fondamentali che ti permettono di mantenere un equilibrio mentale, fisico ed emozionale. Il lavoro richiede moltissime energie ed è necessario affrontarlo in maniera stabile, per non rischiare di risentirne in salute per via del sovraffaticamento.

Se anche tu ti senti stanco e nervoso e pensi che il tu lavoro ti stia fagocitando, prova il test sullo stress.

Hai scoperto di non saper gestire i tempi per la tua carriera e la tua vita privata? Continua a leggere l’articolo.

" Perché la vita è un brivido che vola via è tutto un equilibrio sopra la follia! "

work-life-balance-per-stare-bene

WORK-LIFE BALANCE: DI COSA SI TRATTA?

Con work-life balance s’intende l’equilibrio da raggiungere tra occupazione e vita privata. Non è un concetto troppo attuale perché nasce negli anni ’70 in Gran Bretagna. Un tempo, quando la tecnologia non era così avanzata come ora, c’era una linea netta che divideva l’ambiente di lavoro, e quindi l’ufficio, dalla casa, che rappresentava la famiglia, lo svago e il relax. Con il passare degli anni e l’avvento del digitale questa linea si è fatta sempre più vaga e sottile; grazie ai pc, al web, alle e-mail, alle riunioni via webcam e ai gruppi whatsapp, è nato il cosiddetto smart working che, se da una parte facilita l’attività lavorativa, dall’altra rischia di incrinare proprio il work-life balance. Infatti, se non si delinea un confine e non si prendono i dovuti accorgimenti, si rischia di non capire più quando finisce il lavoro e si ritorna alla propria sfera privata.

La questione ha da tempo attratto l’interesse di aziende e società aggiornate e attente alle politiche di welfare. Non esiste un modello giusto o sbagliato di work-life balance, ma si può comprendere se si è nella direzione corretta quando si è pienamente soddisfatti della propria vita occupazionale. Se tu, come imprenditore o manager, i tuoi colleghi e i tuoi subordinati, fate attenzione a raggiungere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata, anche l’azienda ne risentirà in maniera positiva. Infatti azioni che hanno lo scopo di realizzare il benessere dei dipendenti portano a una riduzione delle assenze e delle malattie e a un aumento della produttività.

" La vita è tutta una questione di equilibrio. Non sempre è necessario fare qualcosa. A volte è assolutamente necessario spegnere tutto, rilassarsi e non fare nulla."

COME BILANCIARE LAVORO E FAMIGLIA?

Ogni individuo ha esigenze uniche e diverse, legate alle proprie relazioni sociali, ai partner, ad eventuali figli o familiari con bisogni particolari o, semplicemente, alla propria personalità e al desiderio di non immergersi in un lavoro totalizzante. Non è semplice bilanciare il tutto, trovare un’occupazione soddisfacente e, al tempo stesso, realizzare appieno le necessità che richiede la sfera privata. Prima di tutto è necessario analizzare la propria quotidianità e avere un quadro generale delle problematiche o delle opportunità che possono essere colte. Ci si deve chiedere se si può rinunciare a “quella cosa” per ottenere una possibilità di avanzamento di carriera oppure se è utile “tirare un po’ il freno” per riprendere le redini della propria vita privata. Questo non significa che bisogna annullarsi; è giusto perseguire i propri sogni e non essere imprigionati dal dovere; come tutte le cose, è bene agire con buon senso.

Non farti influenzare dalle opinioni degli altri o dai modelli sociali ancorati ancora al passato, la scelta spetterà solo a te perché sarai tu a viverla. Non sforzarti di essere qualcun altro e segui la tua natura, solo così vivrai serenamente la tua quotidianità. È necessario che il lavoro non soffochi e che allo stesso modo la famiglia non diventi un impedimento alla propria carriera; tutto sta nel mezzo e nel trovare il giusto equilibrio. Solo così potrai evitare ansia, stress e frustrazione. Non fare un investimento eccessivamente emotivo nella tua azienda perché non è la tua famiglia e per essere veramente soddisfatti è bene vivere la propria occupazione sì, con passione, ma con il giusto distacco e controllo.

Impatto-Direttiva-Work-Life-Balance-
L'IMPATTO DELLA NUOVA DIRETTIVA UE IN TEMA DI WORK-LIFE BALANCE

WORK-LIFE BALANCE APPLICATO ALL’AZIENDA

Una società che cerca di applicare il work-life balance avvantaggia sicuramente coloro che vogliono trovare il giusto equilibrio tra lavoro e famiglia. Se ricopri un ruolo di una certa importanza, è utile trasformare l’organizzazione aziendale tenendo a mente il benessere delle risorse umane. Prima di tutto bisogna riconoscere che ogni membro del team è fondamentale, come un ingranaggio di una grande macchina, e che è giusto e vantaggioso fare in modo che ognuno possa lavorare nelle migliori condizioni possibili. In secondo luogo, è utile essere ordinati, pianificare e avere ben chiari gli obiettivi; solo così sarà possibile gestire al meglio le attività senza perdere tempo ed energie preziose, che potrebbero essere riservate alla propria sfera privata. Infine, per ottimizzare il lavoro aziendale, è ideale dare la dovuta importanza al dialogo, per risolvere le criticità, condividere le idee e raggiungere insieme gli obiettivi.

 

Ritornando alla domanda posta nel titolo “chi metti veramente al primo posto: lavoro o famiglia?”, la risposta è la terza, ovvero un equilibrio tra i due. Non è impossibile e, con i giusti accorgimenti e la dovuta attenzione, riuscirai a bilanciare tutti gli aspetti, ugualmente importanti, della tua vita.

Ti è piaciuto il tema di questo articolo e vorresti approfondirlo? Richiedi una sessione gratuita e scopri il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata.

Buona vita!

 

E tu? Quanto sei stressato? Scoprilo andando alla sezione Stress Test

Scarica il mio eBook Vivere senza stress nocivo

Scopri i miei servizi di coaching per eliminare le cause dello stress, equilibrare lavoro e vita privata e combattere la rabbia.

Se hai consigli o suggerimenti per migliorare ancora di più il valore dei contenuti che questo Blog dona ai lettori, scrivimi sarò ben felice di leggere il tuo feedback.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire altri argomenti, scrivimi a info@stresscoach.it o sulla mia pagina Facebook. Per me sarà un piacere approfondire gli argomenti che ti possono aiutare ad essere più produttivo e ridurre il tuo stress.

La scrittura di questo articolo ha richiesto un lavoro di molte ore, se ritieni che possa essere utile a qualcuno condividilo sui tuoi canali social. Grazie!

I MIGLIORI LIBRI SULL’EQUILIBRIO VITA-LAVORO

Digita sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

Aiutami a migliorare i contenuti del Blog. Quanto hai trovato interessante l'articolo?

Esprimi il tuo Feedback. Se hai suggerimenti scrivimi a info@stresscoach.it

Grazie per il tuo Feedback!

Nessun Feddback finora. Sìì il primo

Mi spiace che questo articolo non ti si stato utile

Aiutami a migliorare i contenuti del Blog

Hai suggerimenti per migliorare il contenuto?

Categorie
Newsletter

IL MIO OBIETTIVO E':

IL MIO STRESS DERIVA DA:

INFORMAZIONI UTILI PER PROFESSIONI STRESSANTI

STRESS COACH TI AIUTA CON

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Informazioni sull' autore

Ciao, sono Matteo Rocca, imprenditore, autore ed Executive Business Coach ACC ICF con circa 20 anni di esperienza imprenditoriale e manageriale in Italia e all’estero. La mia esperienza mi ha permesso di entrare in contatto con culture molto diverse, che hanno arricchito il mio bagaglio professionale e personale.

Da sempre appassionato di Coaching e crescita personale, ora aiuto imprenditori e manager a ottenere risultati grazie a nuovi strumenti, metodologie e competenze. Li supporto nella gestione di progetti d’innovazione e cambiamento, con percorsi di Coaching e Formazione, individuali e collettivi, per migliorare le prestazioni professionali.

STRESS COACH TI AIUTA CON

STRESS TEST

Scopri il tuo livello di stress​

EBOOK ANTISTRESS

"Vivere senza stress nocivo"

ARTICOLI DEL BLOG

Elimina le cause del tuo stress

COACHING ONLINE

Stress Management Coaching - elimina gli stressor

PRODOTTI ANTISTRESS

Gestisci lo stress per stare bene

MINDFULNESS

Ritrova calma e serenità

Scopri il tuo livello di stress

TEST
EVENTI STRESSANTI

Scopri quanto stress portano gli eventi della vita

TEST
STRESS PERCEPITO

Quanto ti senti
stressato?

QUESTIONARIO
SELF-CARE

Quanto ti
auto aiuti?

EQUILIBRIO
VITA-LAVORO

Hai una vita
equilibrata?

RIMANI AGGIORNATO

"Non basta gestire lo stress, è fondamentale eliminarne le cause".
Ricevi aggiornamenti e contenuti riservati.

× Come posso aiutarti?
Share via
Copy link