fbpx

Sei un procrastinatore? Come smettere di procrastinare

procrastinatore-procrastinatrice-come-smettere-di-procrastinare

INDICE

Se sei un procrastinatore e vuoi non procrastinare, scopri come smettere di rimandare con questi utili rimedi.

PROCRASTINATORE? RIMANDARE E’ UN COMPORTAMENTO PROBLEMATICO

Procrastinare è qualcosa che capita a tutti, ma è la frequenza con cui si rimanda che conta. Questo identifica che tipo di procrastinatore (o procrastinatrice) sei. C’è chi ritarda in modo saltuario di fare qualcosa e quindi il problema sta in un po’ di pigrizia. C’è invece chi procrastina o posticipa costantemente ogni impegno o scadenza e allora il problema è più serio.

Il procrastinatore, colui che rimanda in modo assiduo ha spesso stati ansiosi ed è caratterizzato da “miopia temporale”, l’incapacità di vedersi adeguatamente nel futuro; fatica pertanto ad avere una vision.

Che ti piaccia o no rimandare significa scegliere e decidere di non agire, di non risolvere il problema, di non pensare alle soluzioni.

 

APPROFONDIMENTO   Procrastinare: significato, cause e conseguenze

CHE TIPO DI PROCRASTINATORE SEI?

Il significato di rimandare è collegato al fenomeno psicologico che chiama in gioco specifiche emozioni, stati ansiosi, credenze legate alle proprie abilità e al valore personale.

Esistono 2 tipi di procrastinatori e procrastinatrici.

 

Il procrastinatore rilassato.

Chi evita le attività che definisce noiose e routinarie. Si cimenta in tante attività con entusiasmo e carica emotiva, ma quando viene meno il fascino della novità tende a stancarsi e a mollare.

 

Il procrastinatore preoccupato.

E’ colui che ha scarsa fiducia nelle proprie capacità, gestisce con difficoltà lo stress e spesso è afflitto da paure e stati ansiosi che gli impediscono di agire.

La razionalità dell’atto del procrastinare sta in una forma di mediazione tra controllo ed evitamento: “tra il senso di colpa di non farlo e lo stress di farlo, trovo un accordo di mediazione tra le parti nello stabilire che lo farò domani”.

GESTIONE DEL TEMPO Articoli correlati

COSA TI FA DIVENTARE UN PROCRASTINATORE?

Una volta che si sono comprese le cause personali della procrastinazione è opportuno trovare il modo di risolvere il problema, che influenza ogni aspetto della vita della persona.

Il modo per smettere di rimandare dipende fortemente dalla causa specifica.

Se il problema è una cattiva gestione del tempo, è bene eliminare il multitasking, darsi darsi delle scadenze precise, per terminare le attività, organizzare bene in anticipo la settimana tenendo slot di tempo per dedicarsi alle relazioni (partner, figli, amici) e da tenere per se stessi. E’ opportuno prendere appuntamento con il proprio benessere, e segnarlo in agenda.

Se il problema invece è che non ti entusiasma ciò che fai, non esiste nessuna tecnica ed è opportuno che ti renda conto di cambiare strada, facendo davvero ciò che ti appassiona ed emoziona.

Se rimandi perché vuoi fare troppe cose e hai troppi obiettivi, hai un problema di definizione delle priorità. E’ opportuno che ti fermi e fai pulizia, eviti alcune attività o deleghi ad altri.

Se il problema ce l’hai solo con specifiche attività necessarie, ma secondarie riguardo al tuo lavoro, conviene essere consapevoli che vanno per forza di cose fatte perché parti integranti della tua specifica professione. Considera queste attività di routine come parti di un contesto più ampio e falle il più spesso possibile in modo tale da creare un’abitudine.

 

APPROFONDIMENTO  7 strategie (e un esercizio!) per smettere di procrastinare

"La procrastinazione è un meccanismo difensivo messo in atto dalla nostra mente per diminuire l’ansia associata ad un’attività o una decisione considerata sgradevole, difficile o impegnativa."

Neil Fiore
cause della procrastinazione e del procrastinare

COME SMETTERE DI PROCRASTINARE

Se sei un procrastinatore, troverai grandi benefici dal leggere alcuni utili suggerimenti pratici per smettere subito di procrastinare e rimandare.

 

Consapevolezza per affrontare le proprie paure.

Rimandare non è solo una questione di organizzazione del tempo, ma spesso un modo per regolare emozioni più profonde: un compito sgradito, la paura di un fallimento, questioni di autostima. In alcuni casi capita che ci si convinca di “non essere dell’umore adatto” per fare qualcosa solamente perché non abbiamo gli strumenti per affrontare paure radicate. Dare un nome all’emozione che si cela dietro all’esigenza di procrastinare può aiutare ad affrontarla. Anche riformulare, cioè rivedere il modo in cui si percepisce una situazione, può aiutare a fronteggiarla anziché evitarla.

 

Vinci la paura del cambiamento

Spesso, ci ritroviamo a rimandare a domani un’importante decisione. Valutiamo in modo ossessivo i pro ed i contro delle nostre alternative, ci ripromettiamo che prenderemo questa maledetta decisione una volta che le condizioni saranno più favorevoli (ovvero mai), aspettiamo speranzosi che possa accadere qualcosa che ci aiuti a prendere una direzione. Questo comportamento è dettato dalla paura delle novità: siamo perfettamente consapevoli che cambiare probabilmente ci porterà ad una condizione migliore, eppure siamo così abituati alla nostra attuale condizione, che le novità, i cambiamenti, le nuove sfide ci terrorizzano e ci bloccano. In questi casi, prova a porti una semplice domanda: qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere?

 

Perdona

L’incertezza non è l’unica causa di procrastinazione, ve n’è un’altra molto importante: il risentimento. Se stiamo procrastinando un’attività per noi sgradevole, è probabile anche che ci stiamo ribellando (in modo conscio o meno) ad un’autorità: il capo che ci sta imponendo un’attività che detestiamo, il partner che si aspetta che…., i genitori… ecc. Per smettere di procrastinare dobbiamo innanzitutto prendere consapevolezza di questa nostra ribellione silenziosa. Ma sarà solo dopo aver perdonato noi stessi e “l’autorità” nei confronti della quale ci stiamo ribellando che potremo ricominciare ad impegnarci senza alcun blocco.

 

Il principio di Pareto

La ricerca del perfezionismo è l’altra grande causa di procrastinazione. Il procrastinatore tipo ha il classico atteggiamento del “o tutto o niente“. In questi casi devi imparare ad applicare il principio di Pareto: smettila di puntare al 100% del risultato, stai perdendo tempo. Concentrati sul 20% delle attività che ti consentono di ottenere l’80% del risultato e lascia stare il resto. E’ molto più importante completare 5 attività all’80%, che una soltanto al 100%.

 

Scrivi obiettivi ben definiti e piani di azione ordinati per priorità

Darsi alcuni (non troppi) obiettivi ben definiti (S.M.A.R.T.E.R.) e delineare un piano d’azione ordinato per priorità ti permette di iniziare dalle attività che sono maggiormente correlate alla produzione di risultati. Scrivere nero su bianco le attività ti aiuterà a iniziare.

 

Guarda la scala, ma concentrati sul gradino

Inizia! Capita a volte che diventi un procrastinatore perché rimandi a causa del fatto che ti fai impressionare dalla mole di lavoro o dalla difficoltà del compito. Pensare ad un impegno anziché affrontarlo non fa altro che ingigantirlo. Concentrati sul presente, sul primo passo da fare, combatti l’inerzia iniziale. Evita di pensare, inizia quindi a fare qualcosa. Scomponi i compiti gravosi in piccoli incarichi leggeri.

 

Promettiti una ricompensa o un premio

Se sei spaventato da ciò che devi fare, e tendi a posticipare, fatti coraggio, motivati, caricati e promettiti una ricompensa o un premio, è un rinforzo che funziona!

 

Inizia dalle cose difficili

Prendi coraggio e inizia dalle attività più difficili. Non solo è un’ottima tecnica di gestione del tempo, ma è anche un eccezionale strumento per combattere la procrastinazione. Affrontare i compiti difficili per primi ti darà coraggio e sentire bene con te stesso.

 

Calcola i costi della procrastinazione

Non pensiamo mai a quanto ci costa il continuo rimandare lo svolgimento di un compito, eppure anche quello incide sul bilancio. Forse non vale la pena di perdere 20 minuti nell’elencare i costi del non andare a correre questa sera, ma ha molto più senso farlo per un altro progetto.

9 suggerimenti per smettere di procrastinare

SPUNTI DI RIFLESSIONE

Da 1 a 10 quanto rimandi?

Rifletti sulla causa della tua procrastinazione.

Quanti obiettivi hai? Che scadenze ti dai?

AZIONE AZIONE AZIONE

Affronta una tua paura, scrivi cosa ti spaventa e cosa vuoi fare per affrontarla e superarla.

Scrivi su un foglio il premio che ti darai quando avrai raggiunto il tuo prossimo obiettivo.

Definisci le priorità e focalizzati solo su 3 attività, posticipa le altre.

Buon lavoro e buona vita!

 

E tu? Quanto sei stressato? Scoprilo andando alla sezione Stress Test

Scarica il mio eBook Vivere senza stress nocivo

Scopri i miei servizi di coaching per eliminare le cause dello stress, equilibrare lavoro e vita privata e combattere la rabbia.

Consulta la pagina dedicata alla Membership PRODUTTIVITA’ per accedere ad un’area riservata con tanti contenuti Premium, per organizzarti meglio e ottenere più risultati in meno tempo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire altri argomenti, scrivimi a info@stresscoach.it o sulla mia pagina Facebook. Per me sarà un piacere approfondire gli argomenti che ti possono aiutare ad essere più produttivo e ridurre il tuo stress.

La scrittura di questo articolo ha richiesto un lavoro di molte ore, se ritieni che possa essere utile a qualcuno condividilo sui tuoi canali social.

VIDEO-CORSI CONSIGLIATI SULLA GESTIONE DEL TEMPO

Digita sul titolo o sul pulsante per acquistare il video-corso sul sito di riferimento

Video-corso

Autore/Autrice:

DAVIDE RAMPOLDI

Video-corso

Autore/Autrice:

J.L. MARSHALL

Video-corso

Autore/Autrice:

E-BUSINESS ACADEMY

TIME MANAGEMENT: I MIGLIORI LIBRI

Digita sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

Categorie

Informazioni sull' autore

Ciao, sono Matteo Rocca, Life Coach con circa 20 anni di esperienza.

Sono associato ICF International Coach Federation, la più grande associazione di Coach al mondo, con credenziale ACC (Accredited Certified Coach). Sono laureato in Economia e Commercio e in Scienze Motorie, e sono Personal Trainer FIF.

Da sempre appassionato di stress e di crescita personale, ora aiuto le persone ad eliminare lo stress mentale grazie a nuove tecniche, metodologie (con solide basi scientifiche). Per chi desidera organizzo percorsi di coaching personalizzati per combattere lo stress, gestire la rabbia ed equilibrare vita e lavoro.