Stress Management Coaching

INDICE

Stress nocivo cronico, ansia e preoccupazioni sono le conseguenze di un lavoro che non ti soddisfa. Hanno un impatto importante sul lavoro e se non si interviene si crea un circolo vizioso.

Ogni persona può avere giornate negative al lavoro, ma ci sono segnali che ogni lavoratore dovrebbe evitare di trascurare per capire se il lavoro che fa è realmente quello che lo soddisfa.

Ci sono troppi imprenditori, liberi professionisti o manager intrappolati in lavori che a lungo andare diventano tossici e creano malessere. Generalmente il tuo copro ti invia dei segnali per informarti del problema; se essi diventano frequenti, cronici o pesanti, hai un problema che non ti fa stare bene. Scopri lo Stress Management

" L’ansia non ci sottrae il dolore di domani, ma ci priva della felicità di oggi. "

ANSIA E STRESS

L’ansia è un concetto complesso e nebuloso, influenza le nostre emozioni ed è difficile da descrivere. L’ansia è una reazione allo stress e spesso è associata alla ruminazione o al pensiero ossessivo.

Se continui a dirti che vuoi smettere di essere ansioso e come dire a te stesso che ti devi addormentare quando non riesci a prendere sonno, semplicemente non funziona e peggiora le cose.

Quando lo stress sul lavoro diventa frequente, nocivo e cronico, preoccupazioni e ansia aumentano causando perdita di lucidità, eccessiva reattività o scarsa concentrazione. Ne deriva che stress e ansia portano ad un generale impoverimento della capacità di essere efficace e produttivo, di raggiungere gli obiettivi. In buone parole lavori male.

Quando ti trovi in questa situazione ci vai volentieri la lavoro oppure no?

Scopri i miei servizi di coaching

QUANDO IL TUO LAVORO NON TI PIACE 

Fare limprenditore è impegnativo e porta inevitabilmente un livello alto di stress giornaliero. Risulta pertanto normale tornare a casa e sfogare questa frustrazione con chiunque sia vicino. Farlo ti fa stare bene.

Io ti chiedo: ” Sei sicuro che questo approccio sia benefico? O alla fine portando il lavoro a casa porta più danni che benefici? “

Ci sono più scuole di pensiero sull’argomento. Alcuni temono che se tieni dentro i tuoi sentimenti negativi sullo stress del lavoro, puoi essere incline a far uscire quelle emozioni nel momento o nel luogo sbagliato. Altri ritengono che lamentarsi sia un modo per diffondere le negatività e che concentrarsi sugli aspetti positivi o distrarsi sia il metodo migliore per stare bene.

Quando il tuo lavoro non ti piace o non ti soddisfa, il tuo corpo ti manda dei segnali di difesa, dei campanelli di allarme. Se questi segni diventano potenti, frequenti e insistenti, ti trovi in una situazione che dovresti evitare di trascurare 

Leggi l’articolo 15 consigli utili per una vita imprenditoriale meno stressata

I SEGNALI CHE IL TUO LAVORO STA DIVENTANDO IL TUO NEMICO

Problemi di sonno: non riesci a dormire non essere in grado di dormire perché la tua mente corre e ti svegli nel cuore della notte pensando alla loro lista di cose da fare. Alcune notti irrequiete non sono un grosso problema, ma se diventa uno schema, questo può essere un segno che lo stress del lavoro è diventato tossico.

Mal di testa: i muscoli si irrigidiscono per proteggere il corpo da eventuali lesioni. Se vedi il tuo posto di lavoro come “pericoloso”, allora sei spesso rigido, con i muscoli tesi, come si suo, dire “con i nervi a fior di pelle”. La tensione cronica al collo, alle spalle e alla testa può essere associata ad emicrania e al mal di testa.

Consigli utili per gestire l’ansia sul lavoro

Malessere muscolare diffuso: se il tuo corpo percepisce il posto di lavoro come una minaccia il tuo cervello inonda il tuo sistema di adrenalina e altri ormoni dello stress. Questo significa che il tuo corpo anticipa costantemente la preparazione ad un potenziale comportamento difensivo.

Malattie frequenti: se ti ammali facilmente e hai un carente stato di salute e sei debilitato significa che lo stress cronico sta compromettendo il tuo sistema immunitario, rendendoti più debole e potenzialmente suscettibile ad ammalarti seriamente.

Stanchezza: quando senti che lavorare ti costa fatica e già andarci ti stanca. I lavoro tossici possono creare un circolo vizioso che ti porta malessere. Ti senti sopraffatto perché lavori per troppo tempo e lavori troppo a lungo perché ti senti sopraffatto.

Eustress, lo stress buono può essere tuo alleato se sai come gestirlo

ALCUNI SUGGERIMENTI UTILI

Fai delle pause: stacca la spina, rilassati, dedica tempo a te stesso ai tuoi hobby e al tempo libero. Ricorda che per gli atleti il riposo è parte integrante di un programma di allenamento. Se non ti riposi e prendi fiato ti sovraccarichi troppo. Quando non dai al tuo sistema nervoso l’opportunità di rilassarti e resettarti, inizia a causare danni a lungo termine.

Cambia modo di pensare: uno dei principi della terapia cognitivo comportamentale è che il modo in cui pensi può cambiare il modo in cui ti senti. Non è possibile per tutti cambiare lavoro, ma puoi concentrarti sulla situazione che puoi controllare. La consapevolezza del qui ed ora ti aiuta a concentrarti sul presente e su di te, accettando, senza respingere i pensieri ansiosi.

Eliminare le cause dello stress: va bene usare tecniche di Stress Management per gestire lo stress e ritrovare benessere, ma se alla fine non rimuovi le cause, tutto torna sempre come prima e cronicizzi la situazione. E’ fondamentale risolvere il problema di fondo, non affrontare solo i sintomi”.

SPUNTI DI RIFLESSIONE

Cosa ti piace del tuo lavoro? Cosa non ti piace?

Come puoi cambiare ciò che non ti piace?

Tu quanto ti senti stressato?

 

AZIONE AZIONE AZIONE

Scrivi su un foglio cosa fari con il tempo libero.

Scrivi su un’agenda come distribuisci il tuo tempo durante la settimana e poi colora gli slot di tempo in cui dedichi tempo di qualità solo per te stesso.

Scrivi su un foglio i pensieri ricorrenti (ossessivi) che hai durante la giornata e parlane con qualcuno.

Buona vita!

 

E tu? Quanto sei stressato? Scoprilo andando alla sezione Stress Test

Scarica il mio eBook Vivere senza stress nocivo

Scopri i miei servizi di coaching per eliminare le cause dello stress, equilibrare lavoro e vita privata e combattere la rabbia.

 

Se hai consigli o suggerimenti per migliorare ancora di più il valore dei contenuti che questo Blog dona ai lettori, scrivimi sarò ben felice di leggere il tuo feedback.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire altri argomenti, scrivimi a info@stresscoach.it o sulla mia pagina Facebook. Per me sarà un piacere approfondire gli argomenti che ti possono aiutare ad essere più produttivo e ridurre il tuo stress.

 

La scrittura di questo articolo ha richiesto un lavoro di molte ore, se ritieni che possa essere utile a qualcuno condividilo sui tuoi canali social.

PROFESSIONI STRESSANTI

RICEVI AGGIORNAMENTI

Categorie

Informazioni sull' autore

Ciao, sono Matteo Rocca, imprenditore, autore ed Executive Coach con circa 20 anni di esperienza imprenditoriale e manageriale in italia e all’estero. La mia esperienza mi ha permesso di entrare in contatto con culture molto diverse, che hanno arricchito il mio bagaglio professionale e personale. 

Da sempre appassionato di Coaching e crescita personale, ora aiuto imprenditori e manager a ottenere risultati grazie a nuovi strumenti, metodologie e competenze. Li supporto nella gestione di progetti d’innovazione e cambiamento, con percorsi di Coaching e Formazione, individuali e collettivi, per migliorare le prestazioni professionali.

Gestione dello Stress

Scopri il metodo per combattere e gestire lo stress

PER CHI

Imprenditori, manager, professionisti, insegnanti, pensionati, dirigenti, politici

PERCHE'

Lo stress è diventato una pandemia. E' necessario combatterlo con strategie che funzionano

COSA

Il Coaching come allenamento evolutivo delle potenzialità. La Form-azione per nuovi comportamenti

COME

Strategie efficaci, decisioni ponderate, approccio scientifico, goal setting, piano d'azione

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *